2 girls 1 cup

Europe Direct Contact Centre

Europe Direct Teramo Tv Web

Anno Europeo dei cittadini

Presidenza greca dell'UE

Elezioni Europee 2014

22 minuti, Una settimana d'Europa In Italia

Un libro per l'Europa

Links utili

Traduzione Automatica

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Hebrew Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian
Home Page
Europe Direct Teramo
CHIUSURA FESTIVITA' PDF Stampa E-mail

images 2

 

Si comunica che in occasione della Santa Pasqua il Centro Europe Direct resterà chiuso da venerdì 18 aprile p.v. a lunedì 21 aprile.

 

Lo staff del Centro Vi augura una Serena Pasqua.

 
L'Europa in Italia, l'Italia in Europa PDF Stampa E-mail

Un tour lungo l'Italia in diciassette tappe per portare l'Europa nelle regioni italiane e introdurre i dibattiti regionali. Diciassette città per portare l'Europa nelle regioni italiane: è stato questo l'obiettivo del tour nazionale organizzato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea con la collaborazione delle istituzioni locali e dei Centri  Europe Direct presenti su tutto il territorio nazionale. Le opportunità offerte dalla prossima programmazione finanziaria dell'UE 2014-2020 e le sfide per il futuro nel contesto delle elezioni del Parlamento europeo e del rinnovamento degli incarichi istituzionali europei sono stati gli argomenti centrali del dibattito presidiato dal capo del settore stampa della Rappresentanza in Italia, Ewelina Jelenkowska-Luca' e dal capo della comunicazione Alessandro Giordani. I centri Europe Direct rappresentano il primo punto di riferimento per i cittadini che vogliono conoscere l'Unione europea, le sue opportunità e dibattere sul futuro. In ogni tappa del tour il pubblico ha partecipato attivamente al dibattito sottoponendo dubbi e domande, aspettative e frustrazioni ai rappresentanti della Commissione e delle Istituzioni locali presenti all'incontro. Sul sito dialogocittadini.it è possibile consultare l'elenco completo di tutti i dibattiti organizzati sul territorio italiano, da quelli già conclusi, a quelli in programma nelle prossime settimane. Il 2014 è un anno importante per l'Europa e per l'Italia. Non solo per le elezioni del 22-25 maggio che rinnoveranno il Parlamento europeo, ma anche per la prossima rappresentanza del nostro Paese alla Presidenza del Consiglio dell’Unione europea.

 
Elezioni Europee 2014 PDF Stampa E-mail

alt Le elezioni europee del 22-25 maggio 2014 daranno agli elettori la possibilità di influenzare le politiche future dell'Unione europea, eleggendo i 751 deputati al Parlamento europeo che rappresenteranno i loro interessi per i prossimi cinque anni. Gli elettori italiani voteranno il 25 maggio per eleggere 73 deputati. 

In un momento in cui l'Unione cerca di superare la crisi economica e i leader europei riflettono su quale direzione prendere in futuro, queste sono, a oggi, le elezioni europee più importanti.

Oltre a consentire agli elettori di esprimere un giudizio sugli sforzi dei leader dell'UE per affrontare la crisi dell'eurozona, e dare voce alle loro opinioni sul progetto di una più stretta integrazione economica e politica, sono anche le prime elezioni da quando, nel 2009, il trattato di Lisbona ha conferito al Parlamento europeo una serie di nuovi e importanti poteri.

Una delle principali novità introdotte dal trattato consiste nel fatto che, quando gli Stati Membri dell'UE nomineranno il candidato a presidente della Commissione europea, che succederà a José Manuel Barroso nell'autunno 2014, per la prima volta dovranno tenere conto dei risultati delle elezioni europee. Il nuovo Parlamento dovrà poi, riprendendo le parole del trattato, "eleggere" il presidente della Commissione. Ciò significa che gli elettori avranno voce in capitolo su chi subentrerà alla guida dell'esecutivo dell'UE.
La nuova maggioranza politica che emergerà dalle elezioni, inoltre, contribuirà a formulare la legislazione europea per i prossimi cinque anni in settori che spaziano dal mercato unico alle libertà civili. Il Parlamento, unica istituzione europea eletta a suffragio diretto, è oggi uno dei cardini del sistema decisionale europeo e contribuisce all'elaborazione di quasi tutte le leggi dell'UE in parità con i governi nazionali.

Esprimi il tuo voto per scegliere la tua Europa!

Visita il sito ufficiale: http://www.elections2014.eu/it

 
L’Unione europea per la protezione dei minori PDF Stampa E-mail

La Commissione europea lancia una consultazione online, aperta fino al 3 luglio 2014, rivolta a tutti i cittadini e alle organizzazioni che si occupano di protezione di bambini e ragazzi. Lo scopo è aiutare gli Stati membri a sviluppare sistemi di protezione dei minori integrati ed efficaci. I contributi raccolti permetteranno all'UE di fornire agli Stati membri, entro la fine dell’anno, orientamenti in materia, basandosi sui risultati conseguiti nell'attuazione del programma UE per i diritti dei minori. "È responsabilità dell'Unione europea proteggere i cittadini più vulnerabili. Abbiamo attivato in tutta Europa il numero verde per i minori scomparsi e abbiamo offerto formazione a tutori e autorità pubbliche che operano a stretto contatto con i minori non accompagnati. È giunto il momento di cambiare marcia e di fare in modo che tutte le politiche europee e nazionali sostengano sistemi di protezione a misura di minore", ha dichiarato Viviane Reding, Vicepresidente e Commissaria per la giustizia. All'interno dell'Unione un minore su quattro vive in condizioni di povertà, ogni giorno fino a un quarto dei richiedenti asilo sono minori e ogni anno vengono denunciati 250 000 casi di bambini e ragazzi scomparsi. Il 15% delle vittime identificate della tratta di esseri umani è costituito da minori e più di un milione di bambini e adolescenti in Europa vive all'interno di strutture di accoglienza. La consultazione della Commissione su come migliorare i sistemi nazionali di protezione dei minori è direttamente proporzionale al bilancio dei progressi realizzati dal Programma UE per i diritti dei minori, adottato a febbraio 2011. A distanza di tre anni, grazie all'impulso della Commissione, tutte le misure previste dal programma del 2011 in materia di giustizia a misura di minore, protezione dei minori vulnerabili, difesa dei minori dalle violenze e partecipazione dei minori, sono attualmente in corso.

 
Erasmus+ lanciato in Italia: si parte! PDF Stampa E-mail

Il Presidente del Consiglio dei Ministri italiano Matteo Renzi e Androulla Vassiliou, Commissaria europea responsabile per l'Istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù inaugureranno il 10 aprile a Firenze il nuovo programma di finanziamento europeo per Erasmus+. Nella giornata di domani verrà lanciato il nuovo programma UE per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, denominato Erasmus+. L'evento vedrà la partecipazione, accanto a quella del Presidente del Consiglio dei Ministri italiano Matteo Renzi e della Commissaria europea Androulla Vassiliou, anche del Ministro italiano dell'Istruzione e della Ricerca, Stefania Giannini e del Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali, Giuliano Poletti.Erasmus+ viene lanciato in un momento in cui in Europa circa 26 milioni di persone sono disoccupate: tra questi, 6 milioni di giovani. Nello stesso tempo in Europa vi sono più di 2 milioni di posti di lavoro non coperti e un terzo dei datori di lavoro segnala difficoltà ad assumere personale in possesso delle competenze ricercate. Erasmus + contribuirà a sormontare questo divario delle competenze offrendo l'opportunità di studiare, ricevere una formazione o fare esperienza all'estero.

 
Eliminare gli ostacoli per una libera circolazione dei lavoratori PDF Stampa E-mail

La Commissione accoglie con favore l'adozione da parte del Consiglio della direttiva volta a migliorare l'applicazione dei diritti dei lavoratori. La Commissione europea esprime la propria soddisfazione per l'adozione da parte del Consiglio dei ministri dell'UE di una nuova direttiva volta a garantire una migliore applicazione a livello nazionale del diritto dei cittadini dell'UE di lavorare in un altro Stato membro. Le nuove norme, intendono colmare il divario esistente tra diritti e realtà e aiuteranno i cittadini che lavorano o cercano un lavoro in un altro paese ad esercitare concretamente i loro diritti. La libera circolazione dei lavoratori non è soltanto un elemento fondamentale del mercato unico dell’Unione, ma è anche una risorsa per tutti i paesi dell’UE. La mobilità può contribuire a combattere i livelli elevati di disoccupazione presenti in alcuni Stati membri e a colmare le carenze di competenze e di manodopera esistenti in altri. Per questo motivo la Commissione si sta inoltre adoperando per migliorare ulteriormente l’efficacia di EURES, la rete paneuropea per la ricerca di lavoro, affinché un maggior numero di candidati in tutta Europa possa avere accesso a più offerte di lavoro.

 
Cittadini europei: meno tasse, più mobilità PDF Stampa E-mail

La Commissione europea, da sempre impegnata nella lotta all’evasione fiscale transfrontaliera, ha lanciato due consultazioni pubbliche coadiuvate dalla creazione di un gruppo di esperti per raccogliere idee e proposte su come affrontare gli ostacoli fiscali che intralciano l'attività transfrontaliera nel mercato unico.Recenti statistiche dimostrano come molti cittadini europei si spostino attraverso le frontiere per motivi di lavoro, per trasferirsi nel periodo della pensione, per acquistare beni o investire in attività in paesi diversi da quello di provenienza. Circa 14,1 milioni di cittadini della UE 8lo 0,2% della popolazione totale europea risiedono in uno Stato UE diverso dal proprio e quasi il 30% acquista merci offline e online da imprese con sede in altri Stati membri. A fronte di tale situazione, il gruppo di esperti creato dalla Commissione europea riunirà le parti interessate per individuare quegli elementi legati alla tassazione diretta di un cittadino europeo all'interno del mercato unico.

L'attività di questo team di esperti riguarderà anche l'analisi di imposte sui veicoli e la tassazione sul commercio elettronico. La prima consultazione pubblica riguarderà  anche i problemi fiscali che i cittadini europei possono incontrare quando attraversano le frontiere per lavorare o investire in altri Stati membri; la seconda consultazione, invece, si concentrerà sui problemi legati alla tassazione ereditaria. 

 
L’Europa contro la disoccupazione giovanile PDF Stampa E-mail

La Commissione europea ha ospitato una conferenza a Bruxelles per discutere sui progressi nella lotta contro la disoccupazione giovanile attraverso il progetto "Garanzia per i giovani" e sull'azione correlata dei diversi paesi UE in materia. La conferenza "Youth Guarantee: Making it happen" è stata aperta dal Presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso e ha visto la partecipazione del Commissario europeo per l'Occupazione, gli affari sociali e l'inclusione Lázló Andor e del Direttore generale dell'Organizzazione internazionale del lavoro, Guy Ryder.La conferenza ha affrontato le misure introdotte e proposte per attuare il programma "Garanzia per i giovani", proponendo esempi di buone pratiche. Particolare attenzione è stata data alle sfide legate all'attuazione del programma nei paesi in cui si registrano i tassi di disoccupazione giovanile più elevati e si è discusso di come i fondi dell'UE possano essere utilizzati al meglio per sostenerlo.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 41

Cerca nel sito

Ente Ospitante

Partners

Enti aderenti

Europe Direct Teramo 2.0

Visite giornaliere

Top 19:
Unknown flag 28%Unknown (20)
Ukraine flag 14%Ukraine (10)
France flag 13%France (9)
Russian Federation flag 13%Russian Federation (9)
United Kingdom flag 4%United Kingdom (3)
Germany flag 3%Germany (2)
Indonesia flag 3%Indonesia (2)
Italy flag 3%Italy (2)
Netherlands flag 3%Netherlands (2)
Poland flag 3%Poland (2)
Portugal flag 3%Portugal (2)
Argentina flag 1%Argentina (1)
Chile flag 1%Chile (1)
India flag 1%India (1)
Iraq flag 1%Iraq (1)
Jordan flag 1%Jordan (1)
Malaysia flag 1%Malaysia (1)
Philippines flag 1%Philippines (1)
Uzbekistan flag 1%Uzbekistan (1)
71 visite da 19 Nazioni

Visite ieri:71
Visite mensili1613
Pagine visitate oggi:0
Pagine visitate questo mese:14300

Login Europa Network