Europe Direct Teramo
2 girls 1 cup

Europe Direct Contact Centre

Europe Direct Teramo Tv Web

I nostri giochi

Presidenza lituana del Consiglio dell''UE

Anno Europeo per lo sviluppo

Comitato delle Regioni

Trasmissioni: "22 minuti-una settimana d'Europa" e "Un libro per l'Europa"

Links utili

Traduzione Automatica

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Hebrew Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian
Home Page
Europe Direct Teramo
Adottato il POR FESR Abruzzo 2014-2020 PDF Stampa E-mail

115 milioni di fondi UE all'Abruzzo: banda larga, innovazione nelle PMI, riduzione del rischio idrogeologico e sviluppo sostenibile sono le priorità del programma operativo 2014-2020 dell'Abruzzo che la Commissione europea ha adottato. 

Si tratta di un investimento complessivo di €231,5 milioni, di cui €115,7 milioni stanziati dall'UE attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e l'altra metà derivante dal cofinanziamento nazionale. 

Corina Crețu, Commissaria per la Politica regionale, ha salutato positivamente l'adozione del programma: "Gli investimenti serviranno da un lato a creare nuovi posti di lavoro ad alto valore aggiunto e a sviluppare ulteriormente la collaborazione tra ricerca e impresa, dall'altro contribuiranno alla tutela del territorio di una regione continuamente colpita da gravissime calamità naturali. Inoltre molte famiglie e imprese potranno beneficiare del benefici della banda ultra larga, largamente assente sul territorio regionale". 

Il programma adottato è frutto di un intenso dialogo tra Commissione europea e Regione Abruzzo. Esso destina 65 milioni alla competitività del sistema produttivo, 45 alla ricerca, sviluppo tecnologico e l'innovazione, 26 alla diffusione dei servizi digitali, 25 alla riduzione del rischio idrogeologico, 23 alla promozione di un'economia a basse emissioni di carbonio così come allo sviluppo urbano sostenibile e 15,5 alla tutela e valorizzazione delle risorse naturali e culturali. 

 
Settimana europea del Turismo gastronomico PDF Stampa E-mail

In occasione di Expo Milano 2015, la Commissione europea riunirà per la prima volta tutti i principali attori del settore turistico (rappresentanti dell’industria, organizzazioni internazionali, ONG, opinion leader, piccole imprese, e autorità nazionali e regionali) per discutere il futuro del turismo gastronomico. La gastronomia è parte del patrimonio culturale intangibile dell’Europa. Grazie all'interesse continuo e crescente che riscuote e all'eccezionale diversità delle tradizioni alimentari europee questa iniziativa rappresenta una grande opportunità per le industrie turistica e alimentare. La diversità gastronomica europea, le tradizioni alimentari e l'alta qualità dei cibo prodotti, legati ai territori ed alle tradizioni locali,  sono strumenti essenziali dell'industria turistica e rendono l'UE una destinazione turistica d'eccellenza a livello mondiale.

Si inizia il 28 settembre al Palazzo delle Stelline. Il 30 settembre si svolgerà infine la XIII  edizione di Euromeeting presso il Padiglione UE a EXPO; appuntamento annuale organizzato dalla Regione Toscana per conto della rete NECSTouR, rete di regioni europee per lo sviluppo sostenibile e competitivo del turismo. Un altro incontro di Euromeeting è previsto il 29 settembre, al Palazzo delle Stelline.

 
Siglato accordo di finanziamento a beneficio delle imprese italiane PDF Stampa E-mail

Il fondo europeo per gli investimenti (FEI) e il Credito emiliano S.p.A. supportati da Finanziaria Internazionale (finInt) hanno firmato la prima transazione COSME in Italia beneficiando del supporto del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) attraverso il quale sarà implementato il Piano europeo per gli investimenti della Commissione europea  e della BEI. L'accordo COSME provvederà al Credem di una garanzia che le permetterà di incrementare per i prossimi 2 anni il volume dei propri prestiti e di conseguenza quelli che verranno concessi alle PMI che altrimenti riceverebbero un valore minore di prestiti.

Si prevede che grazie al supporto dell'UE si possa sfruttare un portafoglio di 550 milioni di euro a beneficio di oltre 14.000 aziende. Quella dell'Italia è la seconda transazione COSME in Europa grazie al supporto del Fondo europeo per gli investimenti strategici che riflette l'impegno della BEI nel rispondere rapidamente alle domande degli Stati membri, della Commissione europea e del Parlamento europeo ad un rapido lancio di iniziative concrete sotto l'egida del fondo, accelerando il prestito e garantendo operazioni in grado di rafforzare l'occupazione e la crescita in Europa.

 
European Green Leaf: il concorso per le città europee più ecosostenibili PDF Stampa E-mail

Premiare le città più ecosostenibili d'Europa. Questo l'obiettivo del concorso European Green Leaf, rivolto a tutti i centri abitati che hanno tra i 20 e i 100 mila abitanti. Qual è lo scopo della competizione? Premiare i risultati positivi in termini di rispetto dell'ambiente ed ecosostenibilità raggiunti da alcune città, soprattutto se queste conquiste sono state capaci di generare crescita ecosostenibile e posti di lavoro. Le città vincitrici potranno beneficiare di significativi contributi finanziari e prestazioni sociali e di uno sviluppo di nuove attività a favore dei cittadini. Per sostenere l'impegno nel creare un ambiente migliore per i cittadini europei, l'UE ha adottato il settimoProgramma di Azione per l'Ambiente chiamato "Vivere bene, dentro i limiti del nostro pianeta" ("Living well, within the limits of our planet"). Questo programma ha l'obiettivo di rafforzare la resistenza ecologica europea e rendere l'economia UE verde, inclusiva e sostenibile. Il premio Capitale verde europea lanciato nel 2008 rappresenta un'altra iniziativa simile. Il successo di questo premio, ha spinto molte città più piccole a cercare un riconoscimento UE per il loro sforzo e impegno a favore della sostenibilità e dell'ambiente. In risposta a questa esigenza, la Commissione europea ha lanciato il progetto pilota European Green Leaf. Al momento il progetto è solo in lingua inglese, ma in caso di successo, potrebbe essere ulteriormente sviluppato e includere altre lingue. 

C'è tempo fino al 19 ottobre per partecipare all'edizione 2016

Info su: http://ec.europa.eu/italy/news/2015/20150727_european_green_leaf_it.htm

 
"Youth Capacity Building" finanzia network Ue e Paesi terzi fino 150mila euro per progetti scambio e mobilità PDF Stampa E-mail

La Commissione europea mette a disposizione fino a 150mila euro di finanziamenti per progetti di attività giovanili internazionali e mobilità presentati da network di associazioni Ue e di Paesi partner. Il bando si chiama "Youth Capacity Building" e possono fare domanda gruppi di almeno tre associazioni giovanili, pubbliche o private, due delle quali appartenenti a Paesi Ue e la terza ad un Paese partner o candidato all'ingresso nell'Unione europea. I progetti devono riguardare principalmente lo svolgimento di attività transazionali o incentivare la mobilità giovanile tra Paesi Ue e vicini. Rientrano nei progetti finanziabili campagne di sensibilizzazione alla vita comune europea, grandi eventi, attività internazionali, gruppi di lavoro, conferenze, formazione mirata, programmi di scambio, iniziative eleggibili per il servizio volontario europeo e programmi di mobilità per giovani lavoratori.
La scadenza per presentare la propria domanda è fissata per il 2 settembre 2015. Oltre alle associazioni e alle Ong giovanili, possono essere partner di questi progetti anche i consigli nazionali della gioventù nonché organismi pubblici a qualsiasi livello (locale, regionale o nazionale). Per ogni tipo di domanda o richiesta di informazione aggiuntiva, è possibile scrivere una mail a
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
Raccontaci "L'Europa che vorresti" e vinci un viaggio a Bruxelles! PDF Stampa E-mail

La Eunews e laRappresentanza della Commissione Europea in Italiahanno indetto un concorso dedicato ai giovani che, attraverso una composizione scritta, iconografica o con un video o una foto, riescano a rappresentare il loro “ideale dell’Europa”. I lavori, che potranno essere inviati fino al 31 agosto, verranno valutati da una commissione qualificata, composta da due corrispondenti italiani da Bruxelles, due membri della Commissione Europea, e dal direttore di Eunews, che presiederà la giuria. I migliori 5 per ciascuna categoria vinceranno un viaggio di due giorni a Bruxelles con visita al Parlamento Europeo e Commissione Europea. L’iniziativa invita a raccontare attraverso la composizione e la realizzazione di immagini, foto, testi e video un ideale di Europa come territorio, unione, società, bacino culturale. La partecipazione al concorso è gratuita, aperta a tutti i soggetti residenti in Italia di età compresa tra i 18 e 29 anni. Ogni partecipante potrà inviare un massimo di una fotografia, una composizione iconografica, un testo o un video da inviare unitamente alla scheda di iscrizione compilata. La consegna delle opere potrà avvenire, entro il 31 agosto 2015, online attraverso l’appositoformsul sito di Eunews o all’indirizzo di posta elettronica:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

http://www.eunews.it/concorso-leuropa-che-vorrei

 
Fondo europeo per gli investimenti strategici:pronti a partire in autunno PDF Stampa E-mail

La Commissione Europea ha appena pubblicato un pacchetto di misure concordate che assicurerà che il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) venga implementato già a partire dall'autunno 2015 sulla base di una tempistica ambiziosa stabilita dal Presidente Juncker per l'implementazione del Piano per gli investimenti sul ruolo delle banche di promozione nazionale che supportano il Piano.

La Comunicazione spiega l'importanza del ruolo che le banche possono avere nel rimettere in gioco la macchina degli investimenti europei partecipando al  fondo europeo per gli investimenti. Spiega in che modo mettere in piedi una nuova banca di promozione nazionale, il trattamento statistico da riservare ai co - investimenti con riferimento alle disposizioni del Patto di stabilità e crescita relative al deficit pubblico e al debito pubblico, mette in evidenza il tipo di trattamento dei cofinanziamenti dei progetti nazionali nel rispetto del regolamento UE sugli aiuti di Stato, così come sulla maniera in cui le banche di promozione nazionale dei diversi Stati membri differenti possono unire le loro forze e cooperare con la banca europea degli investimenti (BEI)per la creazione di piattaforme di investimenti. Questi orientamenti essenziali aiuteranno le imprese di tutta Europa ad avere accesso ai finanziamenti attraverso gli intermediari del FEIS, pietra angolare del piano d'investimenti di 315 miliardi di euro.

 
Eures, nuovo passo verso il rafforzamento rete per impiego in Europa PDF Stampa E-mail

Rafforzare la rete europea di servizi per l'impiego (Eures) per incentivare l'occupazione giovanile, una maggiore mobilità e una più profonda integrazione dei mercati europei del lavoro: questo l'obiettivo indicato nel progetto di relazione con cui la commissione per l'occupazione del Parlamento europeo ha dato il suo via libera al relativo regolamento Ue. Nel documento si sottolinea che il grave problema della disoccupazione in alcune regioni dell'Europa rende necessario rafforzare la mobilità lavorativa nell'Unione, offrire maggiori opportunità ai lavoratori e aiutare i datori di lavoro a soddisfare l'offerta di lavoro in modo più rapido ed efficiente. L'obiettivo del regolamento è di trasformare la rete Eures in uno strumento efficace per i richiedenti lavoro o per i datori di lavoro interessati alla mobilità lavorativa all'interno dell'Ue, rendendo accessibile e trasparente un'ampia riserva di offerte e profili di richiedenti lavoro in tutta Europa. Anche gli apprendistati e i tirocini dovrebbero essere inclusi nella rete europea. Nel rapporto si sottolinea come la piattaforma deve essere facilmente accessibile e fruibile, nonché come i servizi pubblici per l'impiego (Spi) dovrebbero occupare una posizione privilegiata ed essere designati automaticamente dagli Stati come membri della rete responsabili dell'applicazione del regolamento. Inoltre si suggerisce che gli Stati membri possano designare altri servizi per l'impiego come membri Eures e autorizzare altri organismi a partecipare alla rete come partner, ad esempio servizi privati per l'impiego, agenzie e Ong, purché soddisfino i requisiti previsti per la rete Eures.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 76

Cerca nel sito

Ente Ospitante

Partners

Enti aderenti

Europe Direct Teramo 2.0

Visite giornaliere

Top 2:
Unknown flag 80%Unknown (4)
Germany flag 20%Germany (1)
5 visite da 2 Nazioni

Visite ieri:229
Visite mensili234
Pagine visitate oggi:17
Pagine visitate questo mese:1484

Login Europa Network