La Storia dell'Unione europea in breve
 

Europe Direct Abruzzo Nord-Ovest

Centro di Informazione della Commissione Europea

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Page Conoscere l'Europa Breve storia politica e sociale dell'Europa

La Storia dell'Unione europea in breve

E-mail Stampa PDF

All’indomani della seconda guerra mondiale l'Europa era in rovina. In un discorso rivolto alla gioventù mondiale, l'ex primo ministro britannico Winston Churchill invitò l'Europa a dimenticare i mali del nazionalismo e della guerra e propose la creazione di «qualcosa tipo gli Stati Uniti d'Europa».

Nel 1949 dieci paesi europei si unirono per fondare il Consiglio d'Europa e si impegnarono a perseguire obiettivi comuni a livello europeo.

Il Consiglio d'Europa fu la prima organizzazione europea ad essere istituita e si assunse il compito di difendere i diritti dell'uomo, la democrazia parlamentare e il principio di legalità, allineare le normative in materia sociale e promuovere la consapevolezza della comune identità europea.

Nonostante gli abitanti dell’Europa fossero veramente provati da tante sofferenze, una nuova possibile guerra era alle porte: le relazioni tra Francia e Germania, nemici storici, rimanevano ancora compromesse e sul continente gravava la minaccia di un nuovo conflitto fra paesi occidentali e paesi dell’est.

Come si potevano evitare gli errori del passato? Da dove cominciare e soprattutto come? Come stabilire un legame fra i due paesi e ricongiungere ad essi tutti i Paesi liberi d’Europa per costruire insieme un destino comune? Con una grande idea, nuova nello spirito, negli ideali, nei contenuti, nella forma… La grande idea, il sogno era proprio l’EUROPA!!!

9 maggio 1950: nasce l'Europa

Era il 9 maggio 1950 quando Robert Schuman, ministro degli Affari Esteri della Francia, nel suo discorso dichiarava "La pace mondiale non potrebbe essere salvaguardata senza iniziative creative all'altezza dei pericoli che ci minacciano" Quelle parole non caddero nel vuoto. I rappresentanti di Italia, Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi ne furono subito entusiasti: capirono immediatamente che, unendosi, avrebbero potuto vivere nel segno della pace, allontanare le guerre, migliorare le condizioni di vita dei propri cittadini, continuando a mantenere le proprie tradizioni, le proprie consuetudini.

Inizia così la realizzazione di un grande sogno, dopo anni di distruzione, morte e sofferenze. Inizia così un lungo cammino per un futuro da vivere insieme, nel segno del rispetto, dell’armonia, della concordia e del benessere di tutti i cittadini.

Uomini importanti come l’italiano Alcide De Gasperi, i francesi Robert Schuman e Jean Monnet, il tedesco Konrad Adenauer, il belga Paul Henri Spaak, con il supporto di Walter Hallstein e Altiero Spinelli, hanno gettato le basi alla costruzione di quella che oggi chiamiamo Unione Europea.

Il desiderio di pace ed unione è stato diffuso da questi grandi uomini, che potremmo definire i papà dell’attuale Unione Europea e che compresero, prima di tanti altri, che il modo migliore di dire “mai più guerre e divisioni” era costruire l’Europa unita.

La storia d’Europa però è ancor più antica. Ci sono personaggi del passato che con le loro idee hanno contribuito a far nascere l’Unione dei popoli europei. Tra questi personaggi ricordiamo due italiani: Giuseppe Mazzini (1805-1872): affermava la necessità “della solidarietà umana e della fratellanza tra i popoli...", e Carlo Cattaneo (1801-1869): sosteneva che fosse necessario unire "nazioni libere per realizzare un’Europa Libera ed Unita...”

Le tappe:

 

 

1945 - 1959

Un’Europa di pace – gli albori della cooperazione

L’Unione europea viene posta in essere allo scopo di mettere fine alle guerre frequenti e sanguinose tra paesi vicini, culminate nella seconda guerra mondiale. Negli anni Cinquanta la Comunità europea del carbone e dell’acciaio comincia ad unire i paesi europei sul piano economico e politico al fine di garantire una pace duratura. I sei membri fondatori sono il Belgio, la Francia, la Germania, l’Italia, il Lussemburgo e i Paesi Bassi. Gli anni Cinquanta sono caratterizzati dalla guerra fredda tra Est ed Ovest. Le proteste in Ungheria contro il regime comunista sono represse dai carri armati sovietici nel 1956; l’anno successivo (1957), invece, l’Unione Sovietica diventa leader nella conquista dello spazio lanciando in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik 1. Sempre nel 1957, il trattato di Roma istituisce la Comunità economica europea (CEE), o ‘Mercato comune’.

Per saperne di più sul periodo 1945 - 1959

 

 

1960 - 1969

I brillanti anni Sessanta – un decennio di crescita economica

Negli anni Sessanta si assiste alla nascita di una vera e propria ‘cultura giovanile’, con gruppi musicali quali i Beatles che attirano orde di adolescenti ovunque si esibiscano, contribuendo ad alimentare una rivoluzione culturale che aumenta ulteriormente il divario generazionale. Sono begli anni per l’economia, grazie anche al fatto che i paesi dell’UE non applicano più dazi doganali nell’ambito dei reciproci scambi. Essi convengono inoltre il controllo comune della produzione alimentare, garantendo così a tutti il sufficiente approvvigionamento di tutta la popolazione – ben presto si registrerà anzi una produzione agricola eccedentaria. Il maggio 1968 è famoso in tutto il mondo per i moti studenteschi di Parigi – molti cambiamenti nella società e nel costume sono associati alla cosiddetta ‘generazione del ‘68’.

Per saperne di più sul periodo 1960 - 1969

 

 

1970 - 1979

Una comunità in crescita – il primo allargamento

Con l’adesione della Danimarca, dell’Irlanda e del Regno Unito il 1° gennaio 1973, il numero degli Stati membri dell’Unione europea sale a nove. Il breve ma cruento conflitto arabo-israeliano dell’ottobre 1973 scatena una crisi energetica e problemi economici in Europa. La caduta del regime di Salazar in Portogallo nel 1974 e la morte del generale Franco in Spagna nel 1975 decretano la fine delle ultime dittature di destra al potere in Europa. La politica regionale comunitaria comincia a destinare ingenti somme al finanziamento di nuovi posti di lavoro e di infrastrutture nelle aree più povere. Il Parlamento europeo accresce la propria influenza nelle attività dell’UE e, nel 1979, viene eletto per la prima volta a suffragio universale.

Per saperne di più sul periodo 1970 - 1979

 

 

1980 - 1989

L’Europa cambia volto – la caduta del muro di Berlino

In seguito agli scioperi dei cantieri navali di Danzica, nell’estate del 1980, il sindacato polacco Solidarność ed il leader Lech Walesa diventano famosi in Europa e nel mondo. Nel 1981 la Grecia diventa il decimo Stato membro dell’UE, mentre il Portogallo e la Spagna aderiscono all’UE nel 1986. Sempre nel 1986 viene firmato l’Atto unico europeo, che pone le basi per un ampio programma di sei anni finalizzato a risolvere i problemi che ancora ostacolano la fluidità degli scambi tra gli Stati membri dell’UE e crea così il ‘Mercato unico’. Si produce un grande sconvolgimento politico quando, il 9 novembre 1989, viene abbattuto il muro di Berlino e, per la prima volta dopo 28 anni, si aprono le frontiere tra Germania Est e Germania Ovest, che saranno presto riunificate in un solo paese.

Per saperne di più sul periodo 1980 - 1989

 

 

1990 - 1999

Un’Europa senza frontiere

Il crollo del comunismo nell’Europa centrale ed orientale ha determinato un avvicinamento dei cittadini europei. Nel 1993 viene completato il mercato unico in virtù delle ‘quattro libertà’ di circolazione di beni, servizi, persone e capitali. Gli anni Novanta sono inoltre il decennio di due importanti trattati: il trattato di Maastricht sull’Unione europea (1993) e il trattato di Amsterdam (1999). I cittadini europei si preoccupano di come proteggere l’ambiente e di come i paesi europei possano collaborare in materia di difesa e sicurezza. Nel 1995 aderiscono all’UE tre nuovi Stati membri: Austria, Finlandia e Svezia. Una piccola località del Lussemburgo dà il nome agli accordi di ‘Schengen’ che, gradualmente, consentono ai cittadini di viaggiare liberamente senza controllo dei passaporti alle frontiere. Milioni di giovani studiano all’estero con il sostegno finanziario dell’UE. Viene semplificata anche la comunicazione, in quanto sempre più cittadini utilizzano il telefono cellulare ed Internet.

Per saperne di più sul periodo 1990 - 1999

 

 

2000 – 2009

Ulteriore espansione

L'euro è la nuova moneta per molti cittadini europei.

L'11 settembre 2001 diventa sinonimo di "guerra al terrorismo" dopo che alcuni aerei di linea vengono dirottati e fatti schiantare contro edifici di New York e Washington. I paesi dell'UE iniziano a collaborare molto più strettamente per combattere la criminalità.

Con l’adesione all’UE di ben 10 nuovi paesi nel 2004 e di altri due paesi nel 2007 si ritengono definitivamente sanate le divisioni politiche tra Europa orientale e occidentale.

Nel settembre del 2008 una crisi finanziaria investe l’economia globale, portando a una più stretta collaborazione in campo economico tra i paesi dell'UE.

Il trattato di Lisbona entra in vigore il 1° dicembre 2009, dopo essere stato ratificato da tutti i paesi dell’UE, apportando in seno all’UE istituzioni moderne e metodi di lavoro più efficienti.

Per saperne di più sul periodo 2000 – 2009

 

 

2010 – giorni nostri

Un decennio di opportunità e sfide

 

Il nuovo decennio si apre con una profonda crisi economica, l’UE aiuta numerosi Paesi ad affrontare le loro difficoltà e istituisce l’"Unione bancaria", allo scopo di rendere il settore bancario più sicuro e affidabile.

Nel 2012 l'Unione europea riceve il premio Nobel per la pace. Il premio riconosce il ruolo svolto dall’UE da oltre sessanta anni per promuovere la pace e la riconciliazione, la democrazia e i diritti umani.

Nel 2013 la Croazia diventa il 28º Stato membro dell’UE. I cambiamenti climatici restano in cima all’agenda e i leader concordano di ridurre le emissioni nocive.

Le elezioni europee del 2014 vedono crescere il numero degli euroscettici eletti al Parlamento europeo. Si inaugura una nuova politica di sicurezza a seguito dell’annessione della Crimea da parte della Russia. L’estremismo religioso aumenta in Medio Oriente e in diversi paesi e regioni del mondo, provocando instabilità e guerre che spingono molti a fuggire dalle loro case e a cercare rifugio in Europa. L’UE, oltre al dilemma di come prendersi cura di loro, diventa anche l’obiettivo di diversi attacchi terroristici.

Nel giugno 2016 con il 52% dei voti contro il 48%, i cittadini del Regno Unito approvano in un referendum l'uscita dall'Unione europea. Il Regno Unito continuerà ad essere uno Stato membro dell’UE fino a quando i negoziati sui termini di uscita non saranno completati.

Il 25 marzo 2017 i 27 leader europei si riuniscono a Roma per celebrare il 60º anniversario della firma dei Trattati di Roma, che hanno aperto la strada a un’Unione di pace, solidarietà e democrazia. Adottano la "Dichiarazione di Roma", che riassume i risultati ottenuti in precedenza dall’Unione europea, illustra le sfide future, e afferma l'impegno a lavorare per l’unità tra i 27 Stati membri e a rafforzare l’azione comune nei principali settori strategici.

 

Per saperne di più sul periodo 2010 – giorni nostri

 

 
 

Ente Ospitante

Europe Direct Contact Centre

Prodotti multimediali EDIC

Pubblicazioni

Links utili

Presidenza Bulgara Consiglio UE

Europa.eu

Lavorare in Europa

Corpo Europeo di Solidarietà

Servizio Volontario Europeo


English French German Russian Spanish

Cerca nel sito

Sondaggi EUROPE DIRECT

Efficacia dell'azione dell'UE

In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione europea abbia agito con meno efficacia?

» GO_TO_POLL »
VOTESCHONVORBEI

jVS by www.joomess.de.

Archivio Sondaggi

Efficacia dell'azione dell'UE
In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione...
144
Efficacia dell'azione dell'UE
In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione...
464
Conoscenza del Corpo Europeo di solidarietà
È a conoscenza del Corpo Europeo di solidarietà,...
362
Cinque scenari sul futuro dell'Europa
Il Libro Bianco sul Futuro dell'Europa delinea cinque...
564
Fonti di informazione
L'informazione sull'attività dell'Unione Europea la...
541
Conoscenza dell'UE
Quanto ritiene di essere informato sull'Unione europea?
503

jVS by www.joomess.de.

EUROPE DIRECT 2.0

Studio Europa