Europe Direct Abruzzo Nord Ovest
 

Europe Direct Abruzzo Nord-Ovest

Centro di Informazione della Commissione Europea

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Europe Direct Abruzzo Nord Ovest

La Commissione propone una riforma profonda del sistema UE dell’IVA

ivaOggi la Commissione europea avvia piani per la riforma più sostanziale degli ultimi 25 anni delle norme UE sull'IVA; un rilancio volto a migliorare e aggiornare il sistema a beneficio sia dei governi che delle imprese.

Ogni anno oltre 150 miliardi di euro di IVA non sono riscossi; una grossa perdita per gli Stati membri in termini di entrate che potrebbero essere utilizzate per scuole, strade e sanità. Secondo le stime, circa 50 miliardi di questi 150 totali sono il risultato di frodi transfrontaliere sull’IVA e possono essere utilizzati per finanziare organizzazioni criminali, compresi i terroristi.

Secondo le previsioni, grazie alla riforma dell’IVA proposta questa cifra si ridurrebbe dell’80% e il sistema ne risulterebbe rafforzato e di più semplice utilizzo per le imprese, in linea con l'obiettivo della Commissione di approntare un sistema dell’IVA che aiuti le aziende europee a trarre il massimo beneficio dal mercato unico e a competere sui mercati globali.

Attualmente i costi di conformità sostenuti dalle imprese che praticano il commercio transfrontaliero sono superiori dell'11% rispetto ai costi sostenuti dalle imprese operanti solo a livello nazionale, ma si prevede che grazie alla semplificazione e all’aggiornamento dell’IVA questi costi si potrebbero ridurre di 1 miliardo di euro.

 

Progetto "La nostra Europa" - Incontri di formazione e dibattito sull'UE

Progetto La nostra Europa - locandina 2Il Centro Europe Direct Teramo presenta il progetto dal titolo “La nostra Europa” - Incontri di formazione e dibattito sull'Unione europea, un percorso formativo sul ruolo e il funzionamento delle Istituzioni europee, sulle principali politiche europee e sui diritti collegati allo status di cittadino europeo.

 

Gli studenti delle classi aderenti saranno coinvolti in incontri formativi nella prima fase, al fine di conoscere le Istituzioni, le competenze e le politiche europee; nella fase successiva saranno invece favoriti momenti di dibattito, aventi la duplice finalità di promuovere riflessioni in chiave critica sulle caratteristiche dell’Europa di oggi e favorire la formulazione di idee e proposte sull’Europa del futuro.

 

Tale progetto rappresenta un valido strumento per stimolare la partecipazione dei giovani alla costruzione consapevole e attiva dell’Unione europea, educandoli al contempo alla cittadinanza europea.

 

Gli incontri saranno avviati nel mese di ottobre e si concluderanno nel mese di dicembre, con un evento finale pubblico, nel corso del quale gli studenti presenteranno le istanze emerse dai dibattiti.

 

Avviso: attenzione a possibili truffe sui fondi comunitari

Ci sono pervenute segnalazioni da parte di liberi professionisti e aziende che sono stati contattati da un certo "Centro Informativo Italia" che, a fronte del pagamento di una cifra di qualche centinaia di euro, promette l'invio delle credenziali di accesso ad un database che consente di richiedere finanziamenti europei a fondo perduto, anche per attività in essere o già concluse.

Diffidate da questo ente, si tratta di una truffa.

Queste persone non hanno nulla a che fare con strutture istituzionali che garantiscono serietà e correttezza. Ciò inoltre getta discredito su quei professionisti seri che invece cercano di aiutare le imprese in maniera corretta e professionale, chiarendo subito che l’ottenimento di fondi comunitari avviene solo a seguito della partecipazione a specifici bandi molto competitivi, in base a progetti redatti in inglese e assieme ad altri partner europei. Sottolineiamo che comunque non esistono finanziamenti comunitari retroattivi nella maniera più assoluta. Consigliamo dunque a chi venga approcciato in maniera sospetta di:

  1. cercare di ottenere la maggior quantità possibile di informazioni sulla società e sullo specifico programma di finanziamento proposto e fare le opportune verifiche;
  2. non sborsare le cifre richieste, anche se modeste;
  3. segnalare l’accaduto ai Centri Europe Direct presenti sul territorio o agli Uffici della Rappresentanza della Commissione europea, inoltrando eventualmente la documentazione di proposta ricevuta nei casi più gravi, sporgere denuncia alle autorità competenti.
 

Giornata Europee delle Lingue 2017

downloadLa “Giornata Europee delle Lingue” costituisce come ogni anno un evento dal carattere fortemente simbolico nel panorama delle attività celebrative degli Stati membri, dal momento che richiama l’attenzione su un aspetto cruciale del processo di integrazione europea: la promozione del multilinguismo come fattore di crescita e stimolo al dialogo interculturale. Per celebrare questo evento il Centro Europe Direct Teramo e l’Istituto Comprensivo “Falcone e Borsellino” Teramo 5 Villa Vomano - Basciano, organizzano dal 26 al 29 settembre 2017, delle giornate dedicate ad attività di comunicazione e diffusione dei valori del multilinguismo e della diversità linguistica. Le attività in programma saranno svolte con il coinvolgimento attivo degli studenti delle scuole partecipanti e comprenderanno: visione di film, cartoni animati e video in lingua, realizzazione di bandierine o simboli delle principali capitali europee (monumenti, piatti tipici, abiti tradizionali,….) con cartellonistica, produzioni iconiche, percorsi multimediali (slide, presentazioni in power-point) o altri materiali, brevi dialoghi drammatizzati in lingua straniera, esecuzione di brani musicali e canzoni legate alle differenti tradizioni culturali nazionali; realizzazione di esercizi di traduzione di frasi idiomatiche nelle diverse lingue ufficiali europee. In perfetta linea con i suddetti significati, lo slogan ideato per l’iniziativa è: “Different Countries…different lives…but inside the same ….hearts!”

 

Scarica la locandina

 

A Scuola di OpenCoesione: pubblicato il bando per l’edizione 2017-2018

349ff792-a984-42fb-ab66-b29b7c8b7f55

È online il bando MIUR per partecipare al progetto A Scuola di OpenCoesione (ASOC), il percorso innovativo di didattica interdisciplinare su open data, data journalism e politiche di coesione nelle scuole secondarie superiori.

Come per lo scorso anno, il bando è aperto a 200 scuole secondarie superiori di ogni indirizzo, che verranno selezionate per cimentarsi in attività di ricerca e monitoraggio civico sui territori a partire dai dati sui progetti finanziati con le risorse delle politiche di coesione.

Il premio in palio per la migliore ricerca è un viaggio di istruzione a Bruxelles presso le istituzioni europee, finanziato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, da svolgersi orientativamente alla fine di maggio 2018.

Inoltre, grazie a uno specifico accordo con gli Uffici del Senato della Repubblica, per una delle classi partecipanti al percorso ASOC è prevista la partecipazione a un evento premio – visita guidata con possibilità di assistere a una seduta dell’Assemblea nella sede istituzionale del Senato della Repubblica a Roma – oltre a un approfondimento sull’utilizzo dello strumento regolamentare dell'indagine conoscitiva.

Le altre novità che connotano l’edizione 2017-2018 di ASOC riguardano l’ampliamento delle collaborazioni regionali, con la Regione Calabria che si aggiunge alla Regione Autonoma della Sardegna nel rafforzamento delle attività di progetto a livello regionale, e il riconoscimento di un percorso formativo per i docenti che partecipano ad ASOC, con la certificazione di competenze potenziali in uscita quali “politiche di coesione”, “trasparenza”, “cittadinanza globale”, “cittadinanza digitale”.

Inoltre, è possibile integrare i contenuti di ASOC nei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro e nella predisposizione di progetti per la partecipazione ai bandi del PON 2014-2020 “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento”.

Ulteriori informazioni sulle attività previste per l’edizione 2017-2018 di ASOC sono disponibili nella documentazione allegata al bando MIUR (Vademecum di progetto, Fac-simile formulario candidatura). Sono inoltre disponibili l’e-book e i video della scorsa edizione di ASOC 2016-2017.

 

Per partecipare alla selezione di ASOC1718 è necessario accedere alla piattaforma di candidatura online dall’apposita sezione predisposta nella homepage del sito web www.ascuoladiopencoesione.it, e seguire la procedura online per la compilazione e l’invio della candidatura.

La selezione sarà volta a garantire una adeguata distribuzione territoriale delle scuole partecipanti, tenendo conto dell’intensità finanziaria delle politiche di coesione sul territorio di riferimento.

 

Le candidature dovranno pervenire ENTRO LE ORE 12:00 DI LUNEDI 16 OTTOBRE 2017.

 

Info e contatti:

Sito web: www.ascuoladiopencoesione.it

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Facebook: www.facebook.com/ascuoladioc

Twitter: @ascuoladioc  (hashtag #ASOC1718)          

 

 

COS’È “A SCUOLA DI OPENCOESIONE” (ASOC)

“A Scuola di OpenCoesione” (ASOC)  nasce in accordo con  il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) nell’ambito dell’iniziativa di open government sulle politiche di coesione “OpenCoesione” (www.opencoesione.gov.it), coordinata dal Dipartimento per le Politiche di Coesione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il progetto “A Scuola di OpenCoesione” è finalizzato a promuovere principi di cittadinanza attiva, con l’obiettivo di sviluppare competenze digitali affinché gli studenti diventino cittadini consapevoli e attivi nella partecipazione alla vita pubblica del proprio territorio.

COSA SI FA IN ASOC

Le classi che partecipano al progetto ASOC sono impegnate, nel corso dell’anno scolastico, in un percorso didattico guidato dal docente referente che prevede le seguenti attività: reperimento, analisi ed elaborazione di dati; verifica della modalità di spesa dei fondi pubblici attraverso l’apprendimento di tecniche avanzate di ricerca; utilizzo di tecniche avanzate di comunicazione e storytelling; incontri e interviste con le istituzioni e i soggetti beneficiari dei finanziamenti oggetto della ricerca scelta; organizzazione di eventi per il coinvolgimento della comunità scolastica e territoriale.

Il percorso didattico è articolato in 6 tappe: 5 lezioni in classe di circa 3 ore ciascuna e una "visita di monitoraggio civico". È inoltre prevista l’organizzazione di almeno due eventi pubblici di disseminazione dei risultati e coinvolgimento della comunità territoriale di riferimento. A ciò si aggiungono complessivamente circa 30 ore di lavoro autonomo durante l’intero arco del progetto. L’obiettivo è approfondire le caratteristiche socio-economiche, ambientali e/o culturali del proprio territorio a partire da uno o più interventi finanziati dalle politiche di coesione su un tema di interesse, verificando quindi come le politiche stesse intervengono per migliorare il contesto locale.

RETI DI SUPPORTO

Le scuole possono usufruire a livello territoriale, come negli anni precedenti, del supporto dei Centri Europe Direct, o EDIC (la rete territoriale dei centri di informazione della Commissione Europea) e delle Organizzazioni e Associazioni attive sul territorio sui temi delle politiche di coesione, della trasparenza o degli open data, con le quali le scuole potranno scegliere di collaborare in fase di candidatura. Gli elenchi dei centri EDIC aderenti all'edizione 2017-2018 e delle Organizzazioni/Associazioni "Amici di ASOC" che hanno partecipato alle edizioni precedenti sono disponibili qui.

 

Stato dell'Unione 2017

state-union-2017-brochure it3-1È stato pubblicato l’opuscolo sullo Stato dell'Unione 2017 contenente:

- la versione autorizzata del discorso sullo stato dell'Unione;

- la lettera d'intenti riguardo al programma di lavoro della Commissione per i prossimi sedici mesi, fino alla fine del 2018;

- i progressi sulle dieci priorità della Commissione europea;

- la Tabella di marcia per un'Europa più unita, più forte e più democratica.

 

È possibile scaricare l’opuscolo al seguente link: https://ec.europa.eu/commission/sites/beta-political/files/state-union-2017-brochure_it.pdf

 

È possibile inoltre seguire gli Highlights del Discorso sullo Stato dell’Unione 2017: http://ec.europa.eu/avservices/video/player.cfm?ref=I142952

 

 

Ente Ospitante

Europe Direct Contact Centre

Prodotti multimediali EDIC

Pubblicazioni

Links utili

Presidenza Bulgara Consiglio UE

Europa.eu

Lavorare in Europa

Corpo Europeo di Solidarietà

Servizio Volontario Europeo


English French German Russian Spanish

Cerca nel sito

Sondaggi EUROPE DIRECT

Efficacia dell'azione dell'UE

In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione europea abbia agito con meno efficacia?

ADD_NEW_ANSWER
» GO_TO_POLL »
1 VOTES_LEFT

jVS by www.joomess.de.

Archivio Sondaggi

Efficacia dell'azione dell'UE
In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione...
143
Efficacia dell'azione dell'UE
In quale delle seguenti politiche ritieni che l'Unione...
464
Conoscenza del Corpo Europeo di solidarietà
È a conoscenza del Corpo Europeo di solidarietà,...
362
Cinque scenari sul futuro dell'Europa
Il Libro Bianco sul Futuro dell'Europa delinea cinque...
564
Fonti di informazione
L'informazione sull'attività dell'Unione Europea la...
541
Conoscenza dell'UE
Quanto ritiene di essere informato sull'Unione europea?
503

jVS by www.joomess.de.

EUROPE DIRECT 2.0

Studio Europa

Login Rete Europe Network